Le 1000 lire di Giuseppe Verdi hanno un grande valore: le cifre

Le 1000 lire di Giuseppe Verdi, per un dettaglio, per una lieve diversità acquistano valore. Se le possedete potreste avere un piccolo gruzzolo e non saperlo.

Giuseppe Verdi compositore italiano
Giuseppe Verdi compositore italiano (foto dal Web)

Fra le banconote del vecchio conio che sono rimaste nelle giacche dei nonni o in qualche portafoglio in disuso o chissà, tra le pagine di un libro come segnale di lettura potreste trovare delle 1000 lire. Se siete fortunati non si tratterà delle consuete mille lire con rappresentata Maria Montessori, ma di quelle un po’ più rare con raffigurato Giuseppe Verdi.

Il grande compositore italiano, le cui opere vengono suonate e ascoltate ancora oggi in tutto il mondo, ha avuto anche un rapporto con la politica italiana, seppur breve ma incisivo. Giuseppe verdi ha assunto un ruolo importante per l’unificazione dell’Italia durante il Risorgimento, anche se si trattò di un ruolo attivo solo per poco tempo.

Le doti e le influenze del compositore emiliano hanno fatto sì che il suo Paese lo omaggiasse rappresentandolo su una delle nostre banconote. Prima della Montessori e prima di Marco Polo sulle banconote da mille lire c’era Giuseppe Verdi.

LEGGI ANCHE ->Potrebbe averla chiunque. Una moneta con un dettaglio di unicità

Le banconote e il loro valore attuale

Mille lire Giuseppe Verdi
Mille lire Giuseppe Verdi (foto dal Web)

In realtà Giuseppe Verdi è stato rappresentato ben due volte sulle banconote italiane da 1000 lire. Una prima volta dal 1961 al 1969 e una seconda raffigurazione nelle stampe dal 1969 al 1981. Per quanto riguarda il secondo tipo di stampa ne furono prodotti quasi 2 miliardi di esemplari. Ma questo non ha contribuito a rendere la banconota meno desiderosa per gli appassionati.

Una caratteristica rende queste banconote molto interessanti. Nel 1969 furono stampate 31 milioni di copie da mille lire con rappresentato Giuseppe Verdi in una tonalità tendente all’ocra. Era diversa dalle solite mille lire e ancora oggi rende questa versione molto ricercata.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Buste paga, arrivano gli aumenti: a chi e di quanto

Queste banconote in particolare sono riconoscibili per il numero di serie che deve essere compreso tra UA e VB. Il loro valore cambia a seconda dello stato di conservazione, se “Bellissimo” sono valutate 25 euro, se “Splendido” circa 40 euro e se “Fior di stampa” anche 90 euro.