Phishing bancario, attenti a questo messaggio truffa dalla finta banca

Un odioso tentativo da parte dei malintenzionati di carpire i nostri dati sta avendo luogo attraverso questa comunicazione, è phishing bancario.

Phishing bancario attenti a questo messaggio

Phising bancario, una truffa subdola ed odiosa incontro alla quale stanno andando incontro diversi utenti di alcuni dei più importanti istituti bancari italiani. Si tratta di abboccare a quello che è un messaggio che sembra essere inviato proprio dalla nostra banca di riferimento.

Invece non è così: il mittente è rappresentato da uno o più cyber criminali che intendono estorcerci con l’inganno i nostri dati sensibili, pin del conto corrente incluso. La tattica consiste nell’inviare il messaggio di phising bancario alla nostra e-mail.

Il testo appare come inviato da UniCredit, BNL o da Banca Intesa Sanpaolo. La finta comunicazione ci avvisa del fatto che il nostro conto sia stato bloccato. Qui di seguito c’è il testo del messaggio al quale assolutamente non bisogna dare retta:

Leggi anche: Acquisti on line: pensi di essere al sicuro? Come scoprire i siti “furbetti”

Phishing bancario, il messaggio dei malintenzionati: non cliccate

Foto dal web

“Gentile Cliente,
Siamo spiacenti di informarvi che abbiamo deciso di sospendere le vostre operazioni sul nostro sito e sulla vostra carta poiché avete ignorato la precedente richiesta di conferma della vostra identità e di attivazione dei servizi DSP2 che è ormai la norma europea.
Per poter riutilizzare la sua carta si prega di confermare le informazioni rilasciate sul nostro sito al momento della sua registrazione.
La procedura può essere completata cliccando sul link sottostante, che la porterà sul nostro sito nella sezione dedicata alle verifiche.
L’aggiornamento di un giorno obbligatorio.
Ti ringraziamo in anticipo per il tempo che ci dedicherai”.
Per iniziare:
CLICCA QUI
Le ricordiamo che finché la verifica non viene effettuata, lei non sarà in grado di:

  • Effettuare prelievi al bancomat o su POS;
  • Effettuare ricariche;
  • Effettuare pagamenti online o su POS;
  • Inoltrare bonifici bancari;”

Leggi anche: Aumento della benzina, stangata enorme: “Costa già più di 2 euro al litro”

Leggi anche: Truffa Unicredit, il pericolo nascosto nel finto messaggio della banca

Tale messaggio, tipico esempio di phishing bancario, va subito cestinato. Non dobbiamo rispondere né soprattutto cliccare su uno o più collegamenti contenuti al loro interno. Possiamo anche denunciare la cosa alla Polizia Postale.