Contanti e figli, con il nuovo blocco è a rischio anche la paghetta. Come rimediare?

Contanti e figli saranno un problema, con il nuovo blocco delle liquidità la paghetta in serio pericolo. Come rimediare all’inconveniente?

(foto da Pixabay)

E’ noto a tutti che dal 1° gennaio 2022 è stato abbassato il tetto massimo dei prelievi in contanti, questi sono consentiti fino alla cifra di 999,99 euro. Nel caso in cui abbiate bisogno di una liquidità superiore sarà il vostro Istituto Bancario ad autorizzare l’operazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Reddito di libertà, 400 euro al mese. A chi spetta e per quanto tempo?

L’intento è quello di arginare il problema dell’evasione fiscale che in Italia è sempre più dilagante. Questo tetto massimo apporterà delle modifiche anche sui versamenti dei genitori in favore dei figli. Vediamo meglio nel dettaglio.

Con meno contanti niente più paghetta?

Soldi
Guadagno (foto da pixabay)

Con le nuove disposizioni qualsiasi prelievo o versamento dovrà essere tracciato. Qualora voleste donare ai vostri figli una cifra superiore ai 999,99 euro sappiate che tutta l’operazione verrà tenuta sotto controllo. Se il tracciamento non sarà giustificato si potrà incorrere in controlli e sanzioni severissime da parte del Fisco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Canone Rai, si cambia ancora. Nuove disposizioni sul pagamento

Naturalmente sono ammessi pagamenti o versamenti per una cifra superiore ai 999,99 euro, il tutto però dovrà essere tracciato, quindi mediante assegno, bonifico o giroconto. Per evitare spiacevoli situazioni con i vostri figli sarebbe opportuno ricaricare una carta prepagata e versare ogni mese (anche mediante bonifico) la paghetta di cui necessitano.

In questo modo l’operazione sarà tracciata e non incorrerete in controlli approfonditi prima da parte della filiale poi se questa lo riterrà opportuno, dal Fisco.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Anna Tatangelo e Gigi D’Alessio, la villa dove abitavano insieme. Una reggia – FOTO

Per chi cercherà di eludere il sistema le sanzioni saranno salatissime, saranno applicate a tutti indistintamente, quindi a chi preleva e a chi riceve. Il minimo sanzionabile è 3 mila euro fino ad un massimo di 15 mila euro.

Naturalmente la questione si farà più difficile per i commercianti che lavoravo con grandi quantità di denaro, anche in questo caso dovrà venire tutto in maniera tracciabile per evitare spiacevoli situazioni sanzionatorie o con la banca.