PNRR, collaborazione tra MEF e Cassa Depositi e Prestiti. Il futuro della PA

L’accordo PNRR è stato firmato il 27 dicembre 2021 e prevede che la Cassa Depositi e Prestiti assista i Ministeri ed enti locali. 

PNRR - web
PNRR – web

Il 27 dicembre 2021 è stato firmato l’accordo PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), la ratifica prevede un’assistenza tecnica da parte della Cassa Depositi e Prestiti ai Ministeri e agli enti locali, in merito alla programmazione, attuazione e monitoraggio con la conseguente valutazione dei risultati nel piano Resilienza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Esenzioni sanitarie 2022, ne puoi beneficiare? Le dritte per non rimanere “fregato” dal ticket

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è il futuro della Pubblica Amministrazione

Soldi in contanti perché stanno diminuendo
(pixabay)

I progetti inclusi nel piano PNRR sono importantissimi per il destino della Pubblica Amministrazione, nel contesto l’accordo firmato il 27 dicembre 2021 prevede una collaborazione tra Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) e la Cassa Depositi e Prestiti. 

La collaborazione è volta a sostenere le amministrazioni centrali ed anche gli enti locali per tutti gli interventi di inclusione in diverse attività progettuali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Regali di Natale sgraditi: tutti ne riceviamo almeno uno. Come disfarsene in modo intelligente

Un aspetto importante da tenere a mente è che la Cassa depositi e Prestiti oltre ad essere un istituto di credito pubblico è anche un centro che elabora progetti specifici nei settori dell’informatica e dell’energia ed ora, in questo caso, è consulente per enti pubblici.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze e la Cassa Depositi e Prestiti interverranno sui progetti delle amministrazioni centrali e locali, nello specifico vanno a definire i Piani di Attività peri diversi ministeri coinvolti nel PNRR, contestualmente le PA a livello territoriale possono far capo e fede direttamente alla Cassa Depositi e Prestiti in merito ai controlli e all’assistenza tecnica-operativa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Superenalotto: in 15 festeggiano delle mega vincite

Grazie a questi interventi le PA potranno valutare i progetti e gli impatti in campo ambientale, il trattamento dei dati e la tutela della privacy. Un enorme passo avanti per moltissimi territori che nei giusti canali potranno rendere ancora più forti alcuni aspetti fondamentali per una crescita dei vari settori a più livelli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —> Quiz di frutta, impossibile da risolvere: provare per credere, è davvero sorprendente