Bollo auto cancellato o quasi: chiarezza per i consumatori

Bollo auto addio, o quasi. Vediamo i dettagli

bollo auto esoneri
(foto Instagram)

Il bollo auto è la tassa da pagare per il possesso di un veicolo. E’ un tributo locale previsto dall’amministrazione finanziaria italiana imposto sugli autoveicoli e motoveicoli immatricolati nella Repubblica Italiana. Il suo versamento è destinato alle casse delle Regioni di residenza dei proprietari. Viene regolato dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) al quale sono registrate tutti i veicoli una volta immatricolati. La norma che lo disciplina è il D.P.R. 5 febbraio 1953 n. 39 vale a dire il “Testo unico delle leggi sulle tasse automobilistiche”.

La riscossione dell’imposta del bollo auto è passata di competenza delle regioni dal 1 gennaio 1999 e non vi è più l’obbligo di tenere la ricevuta di avvenuto pagamento del bollo a vista sul parabrezza del veicolo. Grazie all’evoluzione e alla transizione digitale la gestione del bollo del suo calcolo e del suo pagamento è oggi completamente informatizzata.

Bollo auto: i casi di esonero totale

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Il bollo auto lo devono pagare tutti i proprietari di autoveicoli e motoveicoli. Ma in questo periodo di inflazione galoppante e di prezzi alle stelle per ogni genere di conforto, le famiglie italiane sono messe a dura prova. Reduci dalla crisi post-pandemica ora si trovano a fare i conti con i rincari energetici delle bollette e dei carburanti.

Durante il periodo dell’emergenza sanitaria causata dal covid 19 le scadenze dei pagamenti erano state sospese o prorogate. Ma ora tutto l’iter è ripreso ed è tornato alla normalità. La scadenza del bollo auto è ritornata all’ultimo giorno del mese successivo a quello di immatricolazione del veicolo. Se non si effettua il pagamento in scadenza si è passibili di multa ed ogni giorno in più fa aumentare la cifra conteggiata.

In considerazione della situazione contingente di crisi il governo viene incontro agli italiani offrendo la possibilità di essere esonerati dal pagamento del bollo auto a tre specifiche tipologie di utenti. Nell’ottica della transizione ecologica che sta investendo il nostro paese i primi a beneficiare di tale esonero sono i proprietari delle macchine elettriche. A chi acquista questi veicoli tecnologicamente avanzati avrà il bollo azzerato valutando il contributo ambientale che va a completare la strada ecologica verso cui è auspicabile arrivare.

La seconda categoria che viene esonerata dal pagamento dell’imposta del bollo auto è composta dai proprietari di auto d’epoca. Tali veicoli fanno parte di registri appositi ai quali è necessario iscriversi per ottenere il beneficio fiscale non trascurabile.

Ultima categoria comprende le vetture per il trasporto disabili. La legge 104 prevede infatti l’esonero del pagamento del bollo auto in relazione ai sostegni volti all’acquisto di questa tipologia di veicoli.