Bonus Sport: chi sono gli ammessi, pubblicato l’elenco

Bonus Sport, il sito del Dipartimento ha reso noto i beneficiari con il numero seriale e il protocollo: cosa bisogna fare adesso

bonus sport
AnsaFoto

Anche quest’anno grande opportunità per le imprese che lavorano per gli impianti sportivi oppure per le strutture a loro afferenti. Il Dipartimento dello Sport ha pubblicato l’elenco dei soggetti, identificati con il numero seriale, che possono effettuare erogazioni liberali in denaro per gli interventi di manutenzione e restauro degli impianti sportivi pubblici o per quelli di nuova costruzione.

Riguarda i soggetti a cui è stato riconosciuto un credito di imposta pari al 65% dell’importo erogato, che deve essere utulizzato in tre quote annuali dello stesso valore. L’azienga che devide di accedere a questa misura ha anche un limite d’importo che ammonta all’1% dei ricavi dello scorso anno.

Non può essere superire ai 13,2 milioni di euro per il 2022 l’ammontare complessivo del credito d’importa riconosciuto alle imprese.

Bonus Sport, le date

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Le imprese devono effettuare le erogazioni liberali a partire dal giorno 13 luglio, fino al 23 luglio 2022 tramite bonifico bancario, bollettino postale, carte di debito, carte di credito e prepagate, oppure ancora assegni bancari e circolari. Entro lo stesso margine di tempo devono inviare la quietanza di pagamento con causale “sport bonus 2022 – 1ᵃ finestra – (e il numero seriale assegnato)”, a mezzo posta elettronica certificata agli indirizzi ufficiosport@pec.governo.it e per conoscenza a servizioprimo.sport@governo.it.

Dopo aver compiuto correttamente questa operazione il Dipartimento si occuperà di inoltrare l’elenco delle imprese che hanno effettuato i bonifici all’Agenzia delle entrate e conseguentemente avverrà l’inserimento nel cassetto fiscale.

Successivamente sarà necessaria la conferma dell’Agenzia delle entrate e il Dipartimento pubblicherà l’elenco dei soggetti al quale è stato riconosciuto il credito di imposta sul proprio sito. Decorsi cinque giorni dalla pubblicazione, il credito potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione presentando il modello F24.

Quest’ultima operazione deve avvenire in modo esclusivo attraverso i servizi telematici che l’Agenzia delle entrate ha messo a disposizione. in caso contrario ci sarà il rifiuto dell’operazione di versamento.

Dunque i soggetti destinatari delle erogazioni liberali non oltre il 5 agosto dovranno dichiarare di aver ricevuto i soldi allenado la ricevuto del bonifico.