Autovelox non a norma, scoppia il caso: automobilisti rimborsati?

Polemica per l’autovelox non a norma ad Arona, almeno secondo le accuse della minoranza politica: cosa può succedere

Pixabay

Sospendere le multe dell’autovelox. Questa è la richiesta di Arona domani a seguito dell’invio da parte dell’Anas al segretario del cittadino Pd Marco Ubertini di una comunicazione in cui, oltre a chiarire che il limite di 50 km/h in quel tratto di strada è stato richiesto dal Comune e non viceversa, si evidenza che quella strada dove attualmente è posto il velox non sarebbe soggetto a quella velocità.

Ubertini e Roberto Buttà, capogruppo di minoranza di Arona Domani, chiedono risposte alla giunta leghista che guida il paese in provincia di Novara. Anas invece delle precisazioni le ha date. Ha spiegato che il limite dei 50 nasce da due diversi provvedimenti. Il primo risale al 2010 e riguarda la posa di segnale di limite massimo di velocità a 50 in zona esterna verso Meina. L’altro invece l’autovelox nel dicembre 2021 per chi va verso Arona. Secondo il Partito democratico il limite sarebbe valido nelle due zone esterne ma non dove è stato installato l’autovelox.

Autovelox non a norma: annullare le multe?

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Le multe si potrebbero annullare per un errore formale che però potrebbe essere sfruttato per tale fine. L’Anas ha spiegato anche che le modifiche sono state emesse dopo le richieste del Comune a seguito di richiesta del Comune. Sulle Statali extraurbane  – la detto la società – come la Ss 33 del Sempione, il limite massimo è di 90 all’ora ed eventuali modifiche vengono esaminate e autorizzare solo previa motivata istanza dei Comuni.

Se così fosse si tratterebbe di un errore incredibile da parte del Comune perché l’incasso delle multe finora elevate supererebbero il milione di euro. La perdita sarebbe pezzesca. L’opposizione, ha spiegato la propria posizione attraverso un comunicato, ha sottolineato che se quanto sostenuto non trovasse documentale smentita, le conseguenze – politiche, amministrave e contabile.

Una risposta dalla giunta c’è stata. L’assessore alla sicurezza Tullio Mastrangelo, come mesi fa, ha detto che tutta la strada è a 50 km orari da anni e che il tratto ora è in sicurezza. Ja ricordato la recente tragedia di Treviso dove dei giovani ventenni e diciottenni hanno perso la vita per eccesso di velicità. “Il Pd vuole dei morti sul Sempione come in passato?”, ha affermato l’assessore. Anas ha perso l’ordinanza e la deve ritrovare perché il Comune non spegnerà l’autovelox.

Infine nuova replica di Gianluca Ubertini che insiste nell’avere chiarimenti e in caso contrario ci sarà un esposto al Prefetto, alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica.