Un bonus anche per gli studenti: come fare la domanda

Un bonus studenti: qual è e come possono risparmiare le famiglie che stanno affrontando molte spese in questi mesi

bonus studenti
Foto licenza Creative Commons

Il Decreto Aiuti del governo è una vera e propria boccata d’ossigeno contro l’asfissia della crisi. Il nemico numero uno attualmente è l’inflazione. I prezzi continuano a salire, trainati dai maggiori costi energetici.

Per tantissime famiglie, come come per le imprese, i costi sono insopportabili. Ma tra bonus, sconti e agevolazioni, qualcuno riesce a tirare un sospiro di sollievo.

Da quando il Covid ha condizionato le nostre vite, i governi di Conte e Draghi hanno avviato una grande politica assistenzialistica e sono tantissimi i bonus messi a disposizione. Il governo ha infatti reso pubblico l’elenco che è possibile controllare collegandosi a questo sito.

Bonus studenti, di cosa si tratta

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Anche gli studenti e le studentesse possono presentare domanda per beneficiare del bonus trasporti 2022 introdotto dall’articolo 35 del Decreto Aiuti.

Un aiuto arriva anche per gli studenti. L’articolo 35 del Decreto Aiuti dà la possibilità di chiedere il bonus trasporti fino a un massimo di 60 euro per l’acquisto dell’abbonamento annuale o mensile per il trasporto pubblico locale, regionale e interregionale o anche per i servizi di trasporto ferroviario nazionale. Sono però esclusi i servizi di prima classe, executive, business, club executive, salotto, premium, working area e business salottino.

Dal 1 settembre i cittadini possono ottenere il voucher per procedere con l’acquisto scontato degli abbonamenti tramite la piattaforma bonustrasporti.lavoro.gov.it/. Nel caso gli studenti che vogliono fare richiesta non siano ancora maggiorenni, l’istanza deve essere presentata dai genitori.

Scadenza e  modalità

Il termine ultimo per la presentazione della domanda è fissato al 31 dicembre 2022 o comunque fino all’esaurimento delle risorse. L’intenzione, stando alle parole del Ministro Orlando durante la conferenza stampa di presentazione di luglio, è quella di rendere strutturale la misura.

Per fare le domanda è necessario l’accesso tramite le credenziali Spid, Carta d’Identità Elettronica o CIE. In fase di richiesta è necessario scegliere il gestore di trasporto pubblico: per fare un esempio l’ATAC per Roma. Se l’esito della domanda è positivo la piattaforma genera un voucher con un codice identificativo univoco, il codice fiscale del beneficiario, l’importo e la data di emissione e di scadenza. Il tutto dovrà essere presentato al momento dell’acquisto dell’abbonamento.