Assegno Inps per legge 104: quasi 1.400 euro a queste persone

Assegno Inps per legge 104, in alcuni casi è previsto un aiuto corposo: i dettagli di chi beneficiarne e perché

Assegno Unico
AnsaFoto

Cittadini disabili titolari di Legge 104 e i cosiddetti caregiver, familiari che si occupano di loro nella gran del proprio tempo, continuano ad essere tra i beneficiari delle misure dell’Inps. In alcuni casi, rispettando dei requisiti, c’è il diritto ad avere un assegno di 1380 euro per un periodo di tre anni.

Innanzitutto ricordiamo che con la legge 104 lo Stato vuole tutelare chi è affetto da gravi disabilità, portatori di handicap che non possono svolgere in piena autonomia le attività quotidiane. Un modo per eliminare anche ogni tipo di discriminazione e cercare di dare una certa autonomia.

La legge esiste dal 1992 ma da allora è stata soggetta a tante modifiche, integrazioni volta a migliorare sempre di più, entranto anche in altri campi legislativi che non erano previsti inizialmente. Basti pensare alle norme della circolazione stradale, il parcheggio riservato, o all’abbattimento delle barriere architettoniche.

Assegno Inps per legge 104, chi sono i beneficiari

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Tornando all’assegno di cui dicevamo, l’Inps ne eroga uno ricco considerando la gravità della patologia ma anche il reale bisogno economico. Ad esempio chi ha un Isee inferioreiagli 8mila euro, potrà ottenere un assegno di 1.380 euro e una serie di prestazioni.

Ma chi può ottenerlo? L’Inps ha pubblicato un bando che in via prioritaria si rivolge ai soggetti non autosufficienti iscritti alla Gestione Unitaria prestazioni Creditizie e Finanziarie e ai familiari che si occupano della loro cura ed assistenza.

L’Istituto in una comunicazione del 6 luglio 2022 ha reso noto l’elenco delle prestazioni del Progetto Home Care Premium. È una lista su base regionale, accessibile dal sito internet dell’Istituto nella sezione dedicata al bando Home Care Premium 2022. L’ente cominicherà a tutti gli aderenti al programma chi potrà avere le prestazioni prestazioni integrative.

Sono servizi da parte di educatori o da chi è qualificato come operatore socio-sanitario ma anche profesisonisti come psicologi, fisioterapisti, logopedisti e via dicendo. Ci sono anche i servizi per i familiari che si prendono cura del disabile. Saranno utili per per potenziare le energie psicofisiche dei caregiver per accudire la persona da assistere.