Bonus senza presentare l’ISEE: come si ottengono

Bonus senza presentare l’ISEE: quali sono le agevolazioni di cui si possono usufruire al di là dell’indicatore economico

AnsaFoto

Con la crisi economica il governo ha messo a punto tantissimi bonus. Il numero delle agevolazioni è così alto che è stato anche creato un apposito sito dove poterli visualizzare tutti insieme. Alla luce della situazione, molte famiglie che precedentemente non hanno mai provveduto a fare l’Isee, quest’anno hanno fatto richiesta.

Per alcuni aiuti infatti la platea dei beneficiari si è allargata. Per fare un esempio, il bonus sociale, lo sconto automatico in bolletta. Prima lo potevano ottenere i cittadini con un Isee poso superiore agli 8mila euro, ora chi arriva a 12mila.

Ma ci sono anche bonus che si possono ottenere anche senza presentare l’Isee. Il primo di cui parlare è quello più diffuso. Sono milioni gli italiani che hanno fatto richiesta dell’Assegno unico e universale per i figli a carico dal settimo mese di gravidanza ai 21 anni.

Bonus senza ISEE, quali sono

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Questo è un bonus che viene assegnato anche con l’Isee, ma non è obbligatorio. Chi infatti presenta domanda senza allegare l’Indicatore della Situazione Economica Equivalente, riceve in automatico l’aiuto minimo, ossia 50 euro al mese. È la stessa cifra per chi ha un Isee di almeno 40mila euro. In pratica, chi sa di raggiungere certe cifre, può presentare domanda senza Isee perché riceverà comunque il minimo.

Clicca qui per poter prendere visione di tutti in casi in cui per l’Assegno unico è prevista la maggiorazione.

Un altro bonus che si può avere senza presentare l’Isee è quello dell’asilo nido. Parliamo di una delle misure rimaste autonome e che non sono state abolite e inserite appunto nell’Unico.

Anche in questo caso l’Isee allegato alla domanda è consigliato solo per chi ha redditi inferiori ai 40mila. Senza è destinato a tutte le famiglie con figli da 0 a 3 anni per pagare le rette degli asili, che siano pubblici o privati. Per i bambini che soffrono gravi patologie croniche, il bonus in assistenza domiciliare.

L’ultimo bonus che viene erogato al di là del valore dell’Isee è il Bonus cultura per i ragazzi 18enni. L’unico modo per spenderlo è per comprare materiale scolastico come i libri ma non solo, anche biglietti per il teatro, concerti e cinema.