Ottime notizie per i pensionati italiani

Ottime notizie per i pensionati italiani che nei prossimi mesi potranno ricevere più soldi sul proprio cedolino

Pixabay

Il momento non è certamente dei migliori. La crisi economica continua a farsi sentire con l’inflazione alle stelle (l’Istat ha segnato l’8% a giugno, ma nei prossimi mesi potrebbe arrivare a doppia circa), il Covid sta rialzando la testa e come se non bastasse il governo è in bilico.

Mario Draghi ha rassegnato le dimissioni ma siccome in Parlamento ci sono i numeri per governare, il Presidente della Repubblica Mattarella le ha respinte.

Per i pensionati però arrivano buono notizie. Chi ha un reddito annuale inferiore ai 35mila euro, a luglio ha ottenuto il bonus 200 euro così come milioni di lavoratori dipendenti e privati, mentre altri lo riceveranno dopo l’estate.

Ma anche per agosto e poi fino alla fine dell’anno, pensionati e lavoratori potrebbero beneficiare di altri vantaggi. Lunedì scorso il governo si è incontrato con i segretari generali di CGIL, CISL E UIL: al centro della riunione gli interventi per i lavoratori e si è parlato anche del taglio del cunero fiscale.

Ottime notizie per i pensionati italiani, cosa può succedere

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Coloro che saranno maggiormente aiutati dal taglio saranno i lavoratori dipendenti, i quali riceveranno una busta paga più alta, ma anche i pensionati hanno i loro motivi per sorridere. Potrebbero beneficiare di vantaggi sul cedolino della pensione, anche per altri motivi. Infatti in base all’inflazione che potroppo continua a salire, la rivalutazione potrebbe mettere più soldi sulle pensione mensile.

Ma sarà così fino a fine anno? Probabilmente. Il condizionale è d’obbligo perché al momento sono solo ipotesi. Il bonus 200 euro potrebbe essere replicato ad agosto, poi con la Legge di Bilancio, l’ossatura dell’economia per un intero anno, è probabile che ci saranno misure permanenti.

Insomma, alcune certezze ci sono, ossia la volontà di aiutare ancora le fasce più deboli, ma le incognite anche. Innanzitutto i finanziamenti, dove prendere i soldi per portare avanti i progetti. Secondo cosa ma comunque di primaria importanza, la tenuta della maggioranza di governo.

I prossimi giorni saranno dunque decisivi sperando che i mercati non risentano troppo della crisi politica, con altre ripercussioni sull’economia reale.