Questo elettrodomestico è un killer: ecco come dimezzare la bolletta

Elettrodomestico che fa aumentare la bolletta: attenzione anche agli accorgimenti utili al risparmio quotidiano

Elettrodomestico bolletta
Pixabay

In questi tempi in maniera particolare bisogna badare molto al consumo energetico in casa. Le tariffe delle bollette sono già aumentate e nei prossimi mesi, con l’arrivo del freddo, sono destinate ad aumentare.

Se in estate per ovvi motivi accendiamo meno il forno, in autunno e in inverno le cose stanno diversamente e ora più che mai dobbiamo badare alla bolletta visto che le tariffe sono schizzate alle stelle.

I rincari erano già cominciati nell’ultimo trimestre dello scorso anno e sono proseguiti nel 2022 a causa della guerra. Tanti sono i bonus messi a disposizione da parte del governo e altri interventi già esistenti che hanno avuto una platea di beneficiari maggiori.

L’elettrodomestico pesante per la bolletta

LE NOTIZIE IMPORTANTI DA NON PERDERE OGGI:

Un elettrodomestico che è sempre accesso e non possiamo proprio farne a meno è il frigorifero. Stesso discorso vale per la lavatrice e altri ancora. Con dei piccoli accorgimenti è possibile risparmiare molto in un anno e far calare l’importi finale della bolletta.

Innanzitutto dobbiamo usare molte più lampadine a risparmio energetico ed evitare di lasciare in stand-by gli elettrodomestici quando questi non si utilizzano o farlo comunque a pieno regime. Ad esempio, accendere la lavastoviglie quando il cestello è pieno e non a metà.

Detto ciò, qual è l’elettrodomestico che consuma di più? C’è una lista di strumenti più energivori di altri. D’estate quello che fa schizzare i consumi è sicuramente il condizionatore d’aria. Per consumare di meno dobbiamo stare attenti a non selezionare una temperatura eccessiva e chiudere bene tutti, controllando anche gli infissi.

Scegliere bene per il nuovo acquisto

Anche se si usa per pochi minuti al giorno, anche il phon consuma molto. Il nemico numero uno del portafogli in casa d’inverno è certamente il forno.

Occhio anche alle classi energetiche, soprattutto se si decide di cambiarlo e si vuole prenderne uno nuovo. Le migliori sono A+, A++ e A+++. Al momento dell’acquisto costano di più ma alla lunga con il risparmio energetico si può rientrare dal maggiore costo sostenuto.