Le monete con il leone, un tesoro inaspettato e un buon investimento

Ci saranno capitati moltissimi centesimi di euro raffiguranti un leone. Ma non sapevamo che forse avevamo fra le mani un piccolo tesoro e forse chissà, un buon investimento.

Leoni araldici
Leoni araldici (foto da Pixabay)

Il leone è l’animale per eccellenza simbolo di forza, coraggio e nobiltà. Non a caso venne utilizzato in araldica sin dall’antichità, soprattutto dai Plantageneti, per il valore che la sua figura poteva suscitare tra i sudditi e tra i nemici. I primi che utilizzarono il leone come figura ornamentale sulle armi furono i Franchi, che poi passarono all’icona del giglio.

Il leone resta nei secoli un simbolo iconico che ancora oggi viene utilizzato. Era già presente sui marchi finlandesi, prima che venisse adottata la moneta unica. Un legame, quello con questo animale simbolico, che sembra non si voglia lasciar andare. Infatti la Finlandia decise di apporre anche sulle nuove monete una rappresentazione del leone araldico.

Ad eccezione delle monete da 1 e 2 euro tutte quelle Finlandesi hanno rappresentato il leone e il suo significato di grandezza. Lo si ritrova sulle monete da 1, 2, 5, 10, 20 e 50 centesimi. In realtà queste monete di piccolo taglio non hanno mai troppo interessato gli appassionati e i collezionisti, ma forse è arrivato il momento di ricredersi.

LEGGI ANCHE ->Monete bucate. Antiche ma con un valore inaspettato

Il valore del leone araldico

Retro 5 centesimi finlandesi
Retro 5 centesimi finlandesi (foto dal Web)

Anche se il valore legato alla loro rarità è esiguo in confronto ad altre monete, gli attuali euro da pochi centesimi hanno comunque una loro identità da difendere. Infatti se queste presentano alcune condizioni posso valere più del loro prezzo reale. Ad esempio la moneta da 1 centesimo con il leone araldico, del 2001 e del 2002, se presente in condizioni di Fior di Conio (FdC) può valere fino a 2 euro.

Invece nel 2014 le monete finlandesi da 10 e 20 centesimi, sempre con il leone rappresentato, sono state prodotte in numero minore. Motivo per il quale, sempre se in FdC, valgono più di quello che rappresentano e possono superare i 4 euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ->Una moneta per l’ambiente che va a ruba. Un valore in continuo aumento

Infine una moneta da 50 centesimi, con leone araldico e coniata nel 2014, può valere anche 10 euro. Questo a causa del fatto che la loro circolazione sembra essere limitata al di fuori dei confini finlandesi. Se questi valori non vi sembrano abbastanza alti per dare attenzione ai piccoli centesimi provenienti dal Paese nordico pensate che inizialmente ogni moneta non valevo più di quello che rappresentava. Ѐ negli anni che il suo valore si è ingigantito.